Share
fullscreen
Umberto Boccioni - Interno con due figure femminili
fullscreen
Aligi Sassu - Giovani ignudi (che giocano)
fullscreen
Agnolo Gaddi - Teste di cinque giovani e di agnello
fullscreen
Giambattista Tiepolo - Caricatura di un monaco che legge
fullscreen
Agostino Busti, detto il Bambaia - Studio per un altare
fullscreen
Adolfo Wildt - Autoritratto
fullscreen
Annibale Carracci - Dettaglio di nudi maschile
fullscreen
Leonardo da Vinci - Testa di Leda
fullscreen
Camillo Procaccini - Studio per San Sebastiano incatenato in una nicchia
fullscreen
Tranquillo Cremona - High Life (a Piquant Conversation)
Umberto Boccioni - Interno con due figure femminili
Aligi Sassu - Giovani ignudi (che giocano)
Agnolo Gaddi - Teste di cinque giovani e di agnello
Giambattista Tiepolo - Caricatura di un monaco che legge
Agostino Busti, detto il Bambaia - Studio per un altare
Adolfo Wildt - Autoritratto
Annibale Carracci - Dettaglio di nudi maschile
Leonardo da Vinci - Testa di Leda
Camillo Procaccini - Studio per San Sebastiano incatenato in una nicchia
Tranquillo Cremona - High Life (a Piquant Conversation)

Altre opere esposte

Descrizione

Il disegno realizzato nel 1916 è un autoritratto, tematica su cui Wildt si sofferma in momenti cruciali della sua attività artistica. Come in quello scolpito nel marmo nel 1909, cui il disegno è strettamente legato, l'immagine dell'artista è avvicinata ad un simbolismo di tipo religioso. Nel 1909 infatti la forma del volto si staglia su una lastra di fondo sulla quale sono incise, oltre al nome e alla data, tre croci, ad indicare i tre travagliati anni di elaborazione dell'immagine e di difficoltà creativa. Il disegno del 1916 invece, oltre a mostrare un abbandono più completo nella figura, che lascia pensare quasi ad un ritratto funebre, vede la testa dell'artista sovrapporsi ad uno sfondo indefinito sul quale però, come unici elementi leggibili, si trovano due assi incrociate, facilmente interpretabili come una croce, dato l'atteggiamento della figura. Il disegno delle Civiche Raccolte media la tragica espressività di matrice nordica, memore anche del caricamento emotivo della scultura gotica, con una traduzione della figura nel marmo, evidente nella modellazione dei volumi del viso (con le lumeggiature che ne sottolineano la qualità lapidea) e nella tipologia della loro semplificazione, oltre che nella scelta di lasciare le orbite bianche al di sotto delle palpebre abbassate. Il disegno allude al precedente autoritratto scolpito, e, più in generale, alla scultura gotica, michelangiolesca, ellenistica. La scultura del 1909 invece, vuota, come mostra l'assenza degli occhi, fa riferimento alle maschere antiche, in un gioco di modelli replicati in materiali e tipologie sempre differenti, ma accomunati dal sottile equilibrio fra tragica espressività e algidità del segno.

Altre opere a Milano

Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento