Share

MACI - Museo Arte Contemporanea di Imperia verified

Imperia, Liguria, IT aperto visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Josef Albers - Gentle venture
fullscreen
Alberto Biasi - Politipo 72
fullscreen
Max Bill - Quarto Nero
fullscreen
Enrico Castellani - Superficie grigia
fullscreen
Piero Dorazio - Blue call
fullscreen
Lucio Fontana - Concetto spaziale, Attese, 7 tagli
fullscreen
Lucio Fontana - Concetto spaziale, Attesa, Rosso
fullscreen
Enzo Mari - Struttura n. 731
fullscreen
Marino Marini - Cavallo e Cavaliere
fullscreen
Ennio Morlotti - Centaurea Selvatica
fullscreen
Carlo Nangeroni - Seriale continuo
fullscreen
Robert Delaunay - Paesaggio
fullscreen
Mauro Reggiani - Composizione
fullscreen
Gerhard Richter - Grey
fullscreen
Victor Vasarely - G.D.4
Josef Albers - Gentle venture
Alberto Biasi - Politipo 72
Max Bill - Quarto Nero
Enrico Castellani - Superficie grigia
Piero Dorazio - Blue call
Lucio Fontana - Concetto spaziale, Attese, 7 tagli
Lucio Fontana - Concetto spaziale, Attesa, Rosso
Enzo Mari - Struttura n. 731
Marino Marini - Cavallo e Cavaliere
Ennio Morlotti - Centaurea Selvatica
Carlo Nangeroni - Seriale continuo
Robert Delaunay - Paesaggio
Mauro Reggiani - Composizione
Gerhard Richter - Grey
Victor Vasarely - G.D.4

Altre opere esposte

Descrizione

Politipo 72 fa parte del ciclo omonimo che Alberto Biasi inizia nel 1965 e che continuerà a sviluppare per tutta la sua carriera artistica. I Politipi sono strutture lamellari in PVC, nelle quali Biasi sperimenta le infinite possibilità di modulazione formale dell’oggetto ottico-dinamico, per suggerire l’impressione del movimento. L’artista gioca sulle diverse percezioni da parte dell’osservatore, ottenute grazie ad addensamenti o rarefazioni dei punti e delle linee della struttura. Spostandosi nello spazio l’osservatore può infatti percepire immagini dinamiche o statiche, in base alla scelta di muoversi o di osservare l’opera da una posizione fissa. Biasi articola la propria arte secondo determinati canoni di ricerca: l’interazione dello spettatore con l’opera diventa un fondamentale ed il movimento - nella sua accezione passiva di moto virtuale - conduce l’artista a sperimentare le ricerche sulla percezione visiva e la reazione individuale allo stimolo luminoso. Negli anni novanta infatti i Politipi si arricchiscono di ulteriori elementi pittorici, sotto forma di inserimenti di colore, tracce, ombre, allusioni che sostengono la struttura articolata delle superfici stratificate. Approfondendo la ricerca sull’impatto luminoso di luce naturale, Biasi elabora nuove soluzioni dagli effetti ipnotici, realizzate mediante torsioni, sovrapposizioni di piani, intrecci di lamine e listelli. Il gioco tra spettatore-attore ed opera diventa sempre più articolato e libero, confermando l’assoluta variabilità della percezione nello spettatore.

Ricerche correlate

photo MAN - Museo d'Arte Provincia di Nuoro

Frecce

Giovanni Pintori

placeNuoro, Sardegna, IT

photo Kartell Museo
photo Pinacoteca di Bari Corrado Giaquinto

Una via a Volpedo

Giuseppe Pelizza da Volpedo

placeBari, Puglia, IT

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento