Share

Museo dei Brettii e degli Enotri verified

Cosenza, Calabria, IT chiuso visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Corredo della Tomba 78 di Torre del Mordillo
fullscreen
Capitello ionico da contrada Villanello
fullscreen
Aryballos piriforme protocorinzio dal santuario arcaico di Cozzo Michelicchio
fullscreen
Fibula ad arco di violino da Torre Mordillo
fullscreen
Ceramica a vernice nera dalla Necropoli di Moio
fullscreen
Corredo della tomba 21 della necropoli brettia di Contrada Moio
fullscreen
Ceramica a figure rosse dalla necropoli thurina di Caccia di Favella
fullscreen
Kylix a vernice nera dalla necropoli brettia di contrada Moio
fullscreen
Medaglione di guttus a vernice nera con Gorgoneion dalla necropoli brettia di contrada Moio
fullscreen
Fibule ad arco scudato da Amendolara
fullscreen
Lucerne romane da Cerchiara di Calabria
fullscreen
Corredo della tomba 97 dalla necropoli enotria di Torre del Mordillo
fullscreen
Statuette femminili dal santuario arcaico di Cozzo Michelicchio
fullscreen
Oinophoros da contrada Cannuzze
fullscreen
Ritratto dei Fratelli Bandiera di Serra
Corredo della Tomba 78 di Torre del Mordillo
Capitello ionico da contrada Villanello
Aryballos piriforme protocorinzio dal santuario arcaico di Cozzo Michelicchio
Fibula ad arco di violino da Torre Mordillo
Ceramica a vernice nera dalla Necropoli di Moio
Corredo della tomba 21 della necropoli brettia di Contrada Moio
Ceramica a figure rosse dalla necropoli thurina di Caccia di Favella
Kylix a vernice nera dalla necropoli brettia di contrada Moio
Medaglione di guttus a vernice nera con Gorgoneion dalla necropoli brettia di contrada Moio
Fibule ad arco scudato da Amendolara
Lucerne romane da Cerchiara di Calabria
Corredo della tomba 97 dalla necropoli enotria di Torre del Mordillo
Statuette femminili dal santuario arcaico di Cozzo Michelicchio
Oinophoros da contrada Cannuzze
Ritratto dei Fratelli Bandiera di Serra

Altre opere esposte

Descrizione

Gruppo di circa cento lucerne rinvenute nell’antro naturale in cui sgorga una sorgente di acqua sulfurea, denominato “delle Ninfe”, alle falde del Monte Sellaro, a Nord della piana di Sibari. Si tratta di lucerne prodotte in serie con stampi (“a matrice”) di varie forme, con disco centrale decorato con soggetti di diverso ambito: sfera religiosa e mito (Atena, Ercole, Pegaso, eroti), trionfo (Vittoria alata, corone di foglie e ghirlande), teatro (maschere), giochi gladiatorii e mondo animale, spesso con significato simbolico. Non mancano i dischi con motivi vegetali o del tutto privi di decorazione. Alcune di esse, inoltre, recano il marchio della fabbrica che le ha prodotte. La presenza nella grotta di una sorgente di acqua sulfurea e l’elevato numero delle lucerne fanno pensare che le lucerne possano far parte di un deposito votivo, durato per almeno due secoli.

Altre opere a Cosenza

Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento