Share

Osservatorio Astronomico d'Abruzzo verified

Teramo, Abruzzo, IT chiuso visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Astrografo Cooke e Sons
fullscreen
Astrografo Cook e Sons
fullscreen
Camera fotografica Cooke e Sons
fullscreen
Camera fotografica Thornton Pickard
fullscreen
Cronografo Cavignato
fullscreen
Cronografo di Fuess
fullscreen
Cronometro da marina Barraud
fullscreen
Fotometro a due cellule
fullscreen
Fotometro a una cellula
fullscreen
Interferometro stellare
fullscreen
Meridiana ad ore babiloniche
fullscreen
Meridiana ad ore italiche
fullscreen
Micrometro
fullscreen
Micrometro filare di Grubb
fullscreen
Pendolo A. Kittel
fullscreen
Pendolo Cavignato e Mioni
fullscreen
Pendolo Kobell
fullscreen
Pendolo Riefler
fullscreen
Pendolo Riefler e Secchi
fullscreen
Spettroscopio a prisma Browning
fullscreen
Spettroscopio a prisma Browning
fullscreen
Strumento dei passaggi Repsold e Soehne
fullscreen
Telescopio Zenitale
fullscreen
Telescopio rifrattore Cooke e Sons
fullscreen
Telescopio rifrattore Salmoiraghi
Astrografo Cooke e Sons
Astrografo Cook e Sons
Camera fotografica Cooke e Sons
Camera fotografica Thornton Pickard
Cronografo Cavignato
Cronografo di Fuess
Cronometro da marina Barraud
Fotometro a due cellule
Fotometro a una cellula
Interferometro stellare
Meridiana ad ore babiloniche
Meridiana ad ore italiche
Micrometro
Micrometro filare di Grubb
Pendolo A. Kittel
Pendolo Cavignato e Mioni
Pendolo Kobell
Pendolo Riefler
Pendolo Riefler e Secchi
Spettroscopio a prisma Browning
Spettroscopio a prisma Browning
Strumento dei passaggi Repsold e Soehne
Telescopio Zenitale
Telescopio rifrattore Cooke e Sons
Telescopio rifrattore Salmoiraghi

Altre opere esposte

Descrizione

E’ un rifrattore con montatura equatoriale sostenuta da una colonna di ghisa, con 13,5 cm di apertura e 175 cm di distanza focale. Il tubo del telescopio Ë in legno di noce, mentre in ottone sono il porta obiettivo ed i porta oculari. Definito come "Cercatore di Comete" fu principalmente utilizzato come cannocchiale guida per la camera fotografica Cooke (16,5 cm di apertura), e nell'atto pratico si dimostrò non sufficientemente robusto per reggere stabilmente il complesso. Eí con questo strumento che il Cerulli scoprì un nuovo pianetino "Interamnia" e ritrovò la "Cometa 1910 e". Nel 1955 fu applicata, con le necessarie modifiche al fine di ottenere un insieme dotato della necessaria stabilita, la seconda camera fotografica Cooke (8 cm di apertura). In seguito, alla fine degli anni '60, le camere fotografiche "Cooke" furono sostituite con un astrografo Zeiss (20 cm di apertura 144 cm di distanza focale)

Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento