Share

Museo del Territorio Biellese verified

Biella, Piemonte, IT aperto visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Giuseppe Pelizza da Volpedo - Raggio di sole
fullscreen
Bernardino de' Conti - Vergine delle rocce copia da Leonardo
fullscreen
Lorenzo Delleani - Paesaggio montano con mucche
fullscreen
Defendente Ferrari - Madonna con bambino
fullscreen
Bernardino de' Conti - Trittico Vergine delle Rocce copia da Leonardo
fullscreen
Carlo Carrà - Marina
fullscreen
Marc Chagall - Il tamburino
fullscreen
Renè Magritte - L'épreuve du sommeil
fullscreen
Emilio Longoni - Riflessioni di un affamato
fullscreen
Giuseppe Bozzalla - Fra colori e vapori
fullscreen
Crosato Giambattista - Giuditta e Oloferne
fullscreen
Leonardo Bistolfi - Monumento a Lorenzo Delleani
Giuseppe Pelizza da Volpedo - Raggio di sole
Bernardino de' Conti - Vergine delle rocce copia da Leonardo
Lorenzo Delleani - Paesaggio montano con mucche
Defendente Ferrari - Madonna con bambino
Bernardino de' Conti - Trittico Vergine delle Rocce copia da Leonardo
Carlo Carrà - Marina
Marc Chagall - Il tamburino
Renè Magritte - L'épreuve du sommeil
Emilio Longoni - Riflessioni di un affamato
Giuseppe Bozzalla - Fra colori e vapori
Crosato Giambattista - Giuditta e Oloferne
Leonardo Bistolfi - Monumento a Lorenzo Delleani

Altre opere esposte

Descrizione

L’opera qui esposta ci riporta al capolavoro di Leonardo noto come la Vergine delle Rocce. Attribuita a Bernardino de Conti, pittore di corte a servizio del governo francese instauratosi a Milano dal 1499, il dipinto è la più antica copia oggi nota della seconda versione del capolavoro leonardesco conservato alla National Gallery di Londra, realizzata per la Chiesa di San Francesco Grande a Milano. E’ noto un documento redatto nel 1508 che testimonia che in quell’anno venne eseguita una copia da Ambrogio de Predis sotto la diretta supervisione di Leonardo; è quindi molto probabile che anche la copia di Biella, conforme all’originale nelle misure e nei dettagli, sia stata realizzata nella stessa occasione. Committente dell’opera, fu l’illustre biellese Sebastiano Ferrero, a quel tempo generale delle finanze ducali di Milano per conto del governo francese, dopo anni di servizio presso la corte sabauda, come consigliere di Stato e tesoriere generale. La tavola , pur non conoscendone l’antica collocazione, è rimasta a lungo nella sacrestia della Chiesa di San Sebastiano ed è giunta all’inizio degli anni Duemila in Museo, dopo un accurato restauro. Recentemente, grazie al deposito temporaneo voluto dalla famiglia La Marmora, l’opera è stata ricongiunta alle due tavole laterali che la decoravano originariamente, raffiguranti Sebastiano Ferrero e i suoi figli.

Altre opere a Biella

Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento