Share

Museo del Territorio Biellese verified

Biella, Piemonte, IT aperto visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Giuseppe Pelizza da Volpedo - Raggio di sole
fullscreen
Bernardino de' Conti - Vergine delle rocce copia da Leonardo
fullscreen
Lorenzo Delleani - Paesaggio montano con mucche
fullscreen
Defendente Ferrari - Madonna con bambino
fullscreen
Bernardino de' Conti - Trittico Vergine delle Rocce copia da Leonardo
fullscreen
Carlo Carrà - Marina
fullscreen
Marc Chagall - Il tamburino
fullscreen
Renè Magritte - L'épreuve du sommeil
fullscreen
Emilio Longoni - Riflessioni di un affamato
fullscreen
Giuseppe Bozzalla - Fra colori e vapori
fullscreen
Crosato Giambattista - Giuditta e Oloferne
fullscreen
Leonardo Bistolfi - Monumento a Lorenzo Delleani
Giuseppe Pelizza da Volpedo - Raggio di sole
Bernardino de' Conti - Vergine delle rocce copia da Leonardo
Lorenzo Delleani - Paesaggio montano con mucche
Defendente Ferrari - Madonna con bambino
Bernardino de' Conti - Trittico Vergine delle Rocce copia da Leonardo
Carlo Carrà - Marina
Marc Chagall - Il tamburino
Renè Magritte - L'épreuve du sommeil
Emilio Longoni - Riflessioni di un affamato
Giuseppe Bozzalla - Fra colori e vapori
Crosato Giambattista - Giuditta e Oloferne
Leonardo Bistolfi - Monumento a Lorenzo Delleani

Altre opere esposte

Descrizione

L’opera viene definita comunemente pentittico poichè l’antica cornice scandiva le tre tavole nei cinque scomparti con al centro la Madonna in trono col Bambino e ai lati i Santi Bernardo d’Aosta, Giovanni Battista, Bartolomeo e Cristoforo. La collocazione originaria non è chiara. L’opera, prima dell’ultimo restauro cui è stata sottoposta, si trovava nel presbiterio della Chiesa di San Sebastiano ed è noto che solo in occasione della grande esposizione torinese sul Gotico e Rinascimento in Piemonte del 1939, le tre parti di cui l’opera è composta e che all’epoca si trovavano in due diverse collezioni, vennero riunite. In quella stessa occasione, l’opera venne attribuita a un ignoto “artista vercellese della cerchia spanzottiana”, restituendola al dibattito critico che fino ad allora l’aveva pressochè ignorata e che, in tempi più recenti, è giunto a restituirla all’attività giovanile di Defendente Ferrari. Interessante è senza dubbio la vicenda collezionistica di quest’opera, testimonianza della pericolosa, ma purtroppo frequente, dispersione del patrimonio ecclesiastico creatosi in seguito alle soppressioni degli ordini religiosi. L’opera, non solo venne smembrata e venduta ma anche pesantemente rimaneggiata nelle due tavole laterali, come bene testimoniano alcune fotografie d’epoca, che mostrano una vasta ridipintura in corrispondenza degli spazi originariamente non dipinti su cui poggiava l’antica carpenteria.

Altre opere a Biella

Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento