Share

MACI - Museo Arte Contemporanea di Imperia verified

Imperia, Liguria, IT aperto visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Josef Albers - Gentle venture
fullscreen
Alberto Biasi - Politipo 72
fullscreen
Max Bill - Quarto Nero
fullscreen
Enrico Castellani - Superficie grigia
fullscreen
Piero Dorazio - Blue call
fullscreen
Lucio Fontana - Concetto spaziale, Attese, 7 tagli
fullscreen
Lucio Fontana - Concetto spaziale, Attesa, Rosso
fullscreen
Enzo Mari - Struttura n. 731
fullscreen
Marino Marini - Cavallo e Cavaliere
fullscreen
Ennio Morlotti - Centaurea Selvatica
fullscreen
Carlo Nangeroni - Seriale continuo
fullscreen
Robert Delaunay - Paesaggio
fullscreen
Mauro Reggiani - Composizione
fullscreen
Gerhard Richter - Grey
fullscreen
Victor Vasarely - G.D.4
Josef Albers - Gentle venture
Alberto Biasi - Politipo 72
Max Bill - Quarto Nero
Enrico Castellani - Superficie grigia
Piero Dorazio - Blue call
Lucio Fontana - Concetto spaziale, Attese, 7 tagli
Lucio Fontana - Concetto spaziale, Attesa, Rosso
Enzo Mari - Struttura n. 731
Marino Marini - Cavallo e Cavaliere
Ennio Morlotti - Centaurea Selvatica
Carlo Nangeroni - Seriale continuo
Robert Delaunay - Paesaggio
Mauro Reggiani - Composizione
Gerhard Richter - Grey
Victor Vasarely - G.D.4

Altre opere esposte

Descrizione

Negli anni cinquanta, dopo un periodo di influenza neo-cubista, Ennio Morlotti si orienta verso una pittura informale, che trova la sua cifra espressiva in un equilibrio tra naturalismo ed astrazione. Centaurea Selvatica del 1957 viene comunemente inserita nella fase dell’artista denominata “naturalismo astratto”. All’attenzione per la natura si unisce l’esaltazione degli impasti cromatici, nella loro fisicità. La materia cromatica pura diventa il principio creativo della realtà visibile: per mezzo del pennello e della spatola, Morlotti applica sulla tela alti impasti di colore, a suggerire una totale ed avvolgente immersione nella natura. In Centaurea Selvatica la superficie della tela - composta da una fitta aggregazione di pastose e dense pennellate dai toni scuri, prevalentemente orientati ai verdi e ai rossi - corrisponde all’ambiente naturale. La natura diventa primordiale, violenta, in continua metamorfosi, fatta di colore, materia e luce. La spazialità nell’opera è suggerita dall’ammasso cromatico che occupa gran parte della superficie pittorica, lasciando tuttavia intravedere ai lati lo strato sottostante più brillante e meno fitto.

Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento