Share

GAM - Galleria d'Arte Moderna di Torino verified

Torino, Piemonte, IT aperto visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Salvatore Mangione, detto Salvo - San Martino e il povero
fullscreen
Eliseo Mattiacci - Cultura mummificata
fullscreen
Luciano Fabro - Attaccapanni (di Napoli)
fullscreen
Mario Merz - Animale terribile
fullscreen
Paolo Icaro - Davanzale per un colore (Davanzale per un turchese)
fullscreen
Marisa Merz - Living Sculpture
fullscreen
Pier Paolo Calzolari - Senza titolo
fullscreen
Franco Guerzoni - Archeologia
fullscreen
Paolo Icaro - Innesto
fullscreen
Salvatore Mangione, detto Salvo - L’uomo che spaccò la statua del Dio
fullscreen
Giorgio Griffa - Impronta del pollice
fullscreen
Giuseppe Spagnulo - Archeologia
fullscreen
Andy Warhol - Orange Car Crash (5 Deaths 11 Times in Orange) (Orange Disaster)
fullscreen
Claudio Verna - The Four III
fullscreen
Ketty La Rocca - Pietà
fullscreen
Luigi Mainolfi - MDLXIV
fullscreen
Yves Klein - Portrait Relief of Claude Pascal
fullscreen
Marco Gastini - Macchie
fullscreen
Hidetoshi Nagasawa - Era
fullscreen
Luigi Mainolfi - Tamburi, campane e campanacci
fullscreen
Nanni Valentini - Casa
fullscreen
Eliseo Mattiacci - Essere respirare
fullscreen
Franco Guerzoni - Archeologia
fullscreen
Luigi Ontani - DadAndroginErmete
fullscreen
Giovanni Anselmo - Senza titolo
fullscreen
Eliseo Mattiacci - Predisporsi ad un capolavoro cosmico-astronomico
fullscreen
Giulio Paolini - Senza titolo
fullscreen
Marco Bagnoli - Vedetta notturna
fullscreen
Claudio Parmiggiani - Ab Olympo
fullscreen
Claudio Parmiggiani - La tela filosofica
fullscreen
Franco Guerzoni - Affreschi
fullscreen
Alighiero Boetti - Rotolo di cartone ondulato
fullscreen
Claudio Olivieri - Interferenza nero-verde
fullscreen
Marco Bagnoli - Iris
fullscreen
Alberto Burri - Abstraction with Brown Burlap (Sacco)
fullscreen
Giorgio Morandi - Natura morta
fullscreen
Lorenzo Delleani - Il molo (Il trenino)
fullscreen
Giovanni Boldini - Ritratto di signora
fullscreen
Carlo Stratta - Aracne
fullscreen
Massimo Tapparelli d'Azeglio - Studio per la morte di Leonida alle Termopili
fullscreen
Angelo Morbelli - Asfissia! (parte sinistra)
fullscreen
Giuseppe Capogrossi - Superficie 141
fullscreen
Giulio Aristide Sartorio - La Sirena (Abisso verde)
fullscreen
Luigi Spazzapan - Nudo femminile (Ginia) (Ginia con testa appoggiata sul braccio)
fullscreen
Mario Sturani - Autoritratto con la piuma di ghiandaia
fullscreen
Mario Sironi - Paesaggio urbano
fullscreen
Hans Hartung - Composition T. 50 - 5
fullscreen
Carlo Levi - Ritratto di Ercole Levi
fullscreen
Antoni Tàpies - Painting no. XLV
fullscreen
Osvaldo Licini - Marina
fullscreen
Carlo Levi - Ritratto di Annetta Levi (Figura)
fullscreen
Marc Chagall - Dans mon pays
fullscreen
Achille Funi - Ritratto di signora
fullscreen
Corrado Cagli - Giustiniano
fullscreen
Amedeo Modigliani - La ragazza rossa (Testa di donna dai capelli rossi)
Salvatore Mangione, detto Salvo - San Martino e il povero
Eliseo Mattiacci - Cultura mummificata
Luciano Fabro - Attaccapanni (di Napoli)
Mario Merz - Animale terribile
Paolo Icaro - Davanzale per un colore (Davanzale per un turchese)
Marisa Merz - Living Sculpture
Pier Paolo Calzolari - Senza titolo
Franco Guerzoni - Archeologia
Paolo Icaro - Innesto
Salvatore Mangione, detto Salvo - L’uomo che spaccò la statua del Dio
Giorgio Griffa - Impronta del pollice
Giuseppe Spagnulo - Archeologia
Andy Warhol - Orange Car Crash (5 Deaths 11 Times in Orange) (Orange Disaster)
Claudio Verna - The Four III
Ketty La Rocca - Pietà
Luigi Mainolfi - MDLXIV
Yves Klein - Portrait Relief of Claude Pascal
Marco Gastini - Macchie
Hidetoshi Nagasawa - Era
Luigi Mainolfi - Tamburi, campane e campanacci
Nanni Valentini - Casa
Eliseo Mattiacci - Essere respirare
Franco Guerzoni - Archeologia
Luigi Ontani - DadAndroginErmete
Giovanni Anselmo - Senza titolo
Eliseo Mattiacci - Predisporsi ad un capolavoro cosmico-astronomico
Giulio Paolini - Senza titolo
Marco Bagnoli - Vedetta notturna
Claudio Parmiggiani - Ab Olympo
Claudio Parmiggiani - La tela filosofica
Franco Guerzoni - Affreschi
Alighiero Boetti - Rotolo di cartone ondulato
Claudio Olivieri - Interferenza nero-verde
Marco Bagnoli - Iris
Alberto Burri - Abstraction with Brown Burlap (Sacco)
Giorgio Morandi - Natura morta
Lorenzo Delleani - Il molo (Il trenino)
Giovanni Boldini - Ritratto di signora
Carlo Stratta - Aracne
Massimo Tapparelli d'Azeglio - Studio per la morte di Leonida alle Termopili
Angelo Morbelli - Asfissia! (parte sinistra)
Giuseppe Capogrossi - Superficie 141
Giulio Aristide Sartorio - La Sirena (Abisso verde)
Luigi Spazzapan - Nudo femminile (Ginia) (Ginia con testa appoggiata sul braccio)
Mario Sturani - Autoritratto con la piuma di ghiandaia
Mario Sironi - Paesaggio urbano
Hans Hartung - Composition T. 50 - 5
Carlo Levi - Ritratto di Ercole Levi
Antoni Tàpies - Painting no. XLV
Osvaldo Licini - Marina
Carlo Levi - Ritratto di Annetta Levi (Figura)
Marc Chagall - Dans mon pays
Achille Funi - Ritratto di signora
Corrado Cagli - Giustiniano
Amedeo Modigliani - La ragazza rossa (Testa di donna dai capelli rossi)

Altre opere esposte

Descrizione

La riflessione sulle strutture linguistiche primarie della pittura accompagna gli esordi di Giulio Paolini; da "Disegno geometrico" del 1960, in cui la squadratura della tela non costituisce il soggetto del dipinto, ma è tesa piuttosto a qualificarne il supporto, ai "Senza titolo" immediatamente posteriori, l'artista è intenzionato a operare una ricognizione degli elementi costitutivi del quadro. Alla prospettiva linguistica, in cui tela, telaio,cornice, linea e colore diventano gli strumenti concreti di un atteggiamento empirico, già nelle prime fasi di attività, se ne affianca una semantica e sintattica,decisa a derivare la portata dell'intervento dalle qualità materiali del supporto scelto. Il "Senza titolo" del 1966, al centro del quale il perimetro di un quadrato bianco è percorso da un leggero tratto di matita,si mostra in quanto artificio metalinguistico,costruzione del quadro nel quadro; la superficie dipinta,infatti, mima lo spazio occupato dalla tela grezza sulla parete e gioca con la trasparenza del tessuto,rivelando come le assi di legno che costituiscono la crociera del telaio condizionino il profilo della figura geometrica. L'equivoco rapporto tra soggetto dell'opera e supporto fisico della stessa si complica sensibilmente se interpretato in una dimensione più ampia,tale da inlcudere lo spazio circostante e lo spettatore. Il senso di disorientamento prodotto dall'alternarsi di piani fittizi e reali è il risultato di una trappola estetica che, sperimentata sopratutto nel biennio 1964 - 1965 e perfezionata, in quel giro di anni, con l'introduzione della tecnica fotografica,fonda la propria ambiguità sulla duplicazione del quadrato.

Altre opere a Torino

Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento