Share

MAC - Museo d’Arte Contemporanea di Lissone verified

Lissone, Lombardia, IT aperto visita il museoarrow_right_alt

fullscreen
Giuliano Barbanti - Architettura 889
fullscreen
Michele Alberto Sereni - Riversa
fullscreen
Luca Caccioni - Maison Siz. Due
fullscreen
Mattia Barbieri - Square
fullscreen
Luca Piovaccari - Ascolta il tuo respiro
fullscreen
Alessandro Gioiello - Due Cani
fullscreen
Michele Chiossi - W.T.O.7
fullscreen
Valerio Adami - Camel
fullscreen
Antoni Tàpies - Terre sur marron foncé
fullscreen
Alberto Biasi - Racconti di colore
fullscreen
Davide Mancini Zanchi - Munstang
fullscreen
Agostino Bonalumi - Bianco
fullscreen
Giorgio de Chirico - Cavallo con cavaliere
fullscreen
Franco Grignani - Psicoplastica
fullscreen
André Mairfaing - V.A. 58
fullscreen
Achille Perilli - L'emploi du temps
fullscreen
Emilio Vedova - Immagine del tempo 1 V.
fullscreen
Mattia Moreni - Costa bruciata
fullscreen
Michele De Lucchi - Edificio vuoto 320
fullscreen
Nicola Samorì - Radice sul nero
fullscreen
Winfred Gaul - Markierungen XVI
fullscreen
Horia Damian - Immagine di città
fullscreen
Sophie Ko - Geografia temporale delle stelle fisse IV
fullscreen
Piero Dorazio - Tenax
Giuliano Barbanti - Architettura 889
Michele Alberto Sereni - Riversa
Luca Caccioni - Maison Siz. Due
Mattia Barbieri - Square
Luca Piovaccari - Ascolta il tuo respiro
Alessandro Gioiello - Due Cani
Michele Chiossi - W.T.O.7
Valerio Adami - Camel
Antoni Tàpies - Terre sur marron foncé
Alberto Biasi - Racconti di colore
Davide Mancini Zanchi - Munstang
Agostino Bonalumi - Bianco
Giorgio de Chirico - Cavallo con cavaliere
Franco Grignani - Psicoplastica
André Mairfaing - V.A. 58
Achille Perilli - L'emploi du temps
Emilio Vedova - Immagine del tempo 1 V.
Mattia Moreni - Costa bruciata
Michele De Lucchi - Edificio vuoto 320
Nicola Samorì - Radice sul nero
Winfred Gaul - Markierungen XVI
Horia Damian - Immagine di città
Sophie Ko - Geografia temporale delle stelle fisse IV
Piero Dorazio - Tenax

Altre opere esposte

Descrizione

La superficie vibra per mezzo dei segni, come uno schermo appena segnato dalla presenza di labili gesti e calligrafie impossibili da leggere. Parola e immagine dialogano in un mondo impalpabile, indefinito, sfuggente, che cerca di rendere percepibile il pensiero poetico dell’artista. Il segno è la testimonianza dell’appropriazione del visibile da parte di Caccioni: immagini fatte proprie nel tempo, assunte e accumulate nella memoria, che alla fine riemergono sulla tela.

Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento