Share
fullscreen
Susanna e i Vecchioni
fullscreen
Il tempo ammonitore
fullscreen
Antonio Gianlisi - Natura morta con tappeto
fullscreen
Pietro Antonio Luchini - Ritratto di Clementina Martelli Grillo
fullscreen
Giovanni Battista Todeschini - Ritratto di Lucia Stoppani
fullscreen
Massimo Tapparelli d'Azeglio - Porto di Lecco
fullscreen
Vincenzo Bianchi - Veduta di Lecco da Valmadrera
fullscreen
Ruggero Panerai - Soldati in attesa
fullscreen
Carlo Pizzi - Monte Resegone
fullscreen
Orlando Sora - La mia famiglia
fullscreen
Raffaele De Grada - Veduta di Lecco
fullscreen
Augusto Colombo - La laminatura
Susanna e i Vecchioni
Il tempo ammonitore
Antonio Gianlisi - Natura morta con tappeto
Pietro Antonio Luchini - Ritratto di Clementina Martelli Grillo
Giovanni Battista Todeschini - Ritratto di Lucia Stoppani
Massimo Tapparelli d'Azeglio - Porto di Lecco
Vincenzo Bianchi - Veduta di Lecco da Valmadrera
Ruggero Panerai - Soldati in attesa
Carlo Pizzi - Monte Resegone
Orlando Sora - La mia famiglia
Raffaele De Grada - Veduta di Lecco
Augusto Colombo - La laminatura

Altre opere esposte

Descrizione

Raffaele De Grada viene introdotto nel mondo dell’arte dal padre, pittore e decoratore.
In seguito al trasferimento della famiglia in Svizzera, frequenta le Accademie di Dresda e di Karlsruhe. Dal 1919 si stabilisce in Italia, dove, due anni dopo, espone a Firenze, meritando l’attenzione della critica e del pubblico. Partecipa nel ’26 alla Prima Mostra del “Novecento” italiano e nel '29 alla seconda. Questo movimento raccoglieva i più famosi artisti italiani che guardavano come modelli l’antichità classica, la purezza e l’armonia delle forme, ritornando anche ai generi tradizionali. De Grada privilegia il paesaggio naturale, sperimentando nuove soluzioni formali ed espressive, rivolte anche all’interpretazione degli stati d'animo, passando attraverso la lezione di Corot e Cézanne.
La Veduta di Lecco mostra chiaramente l’influenza di quest’ultimo, nella scansione del paesaggio in piani paralleli, nella geometria della composizione e nelle forme delle case, delle montagne e dei declivi, dai colori molto definiti.
L’opera conseguì il secondo premio alla IV Mostra Quinquennale di Lecco, esposizioni agricole- industriali dei prodotti locali, che si susseguirono dagli anni Venti agli anni Quaranta e che nel 1937 ebbe anche un'importante sezione dedicata al Paesaggio lecchese.

Collocazione: sala n.7


Altre opere a Lecco

Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento