Share
Museo Archeologico Nazionale e Parco Archeologico della Sibaritide

Museo E Parco Della Sibaritide

La potente polis di Sibari, fondata  tra il 720 e il 710 a.C. da coloni achei guidati da Is di Elice, fu uno dei siti più estesi e ricchi della Magna Grecia. Dopo un periodo di grande egemonia, Sibari, sconfitta da Crotone e rasa al suolo nel 510 a.C., fu abbandonata. Sulle sue rovine, venne fondata per volontà di Pericle tra il 444 e il 443 a.C. la nuova città di Thurii; nel 194 a.C. divenne colonia romana con il nome di Copia e fu abitata fino al VI secolo d.C.. 

Il Parco Archeologico di Sibari raccoglie le testimonianze di questa eccezionale stratificazione storica. Nell’area archeologicaè possibile visitare, tra l’altro, l’emiciclo-teatro, le terme pubbliche edificate in epoca giulio-claudia e ingrandite in diverse fasi successive, resti di abitazioni tra cui la sontuosa domus a nord del teatro, il tracciato viario di impianto ippodameo e la cinta muraria.  

Il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide è ospitato in un edificio di circa 4.000 mq progettato dall’architetto Riccardo Wallach all’interno del Parco Archeologico. Il percorso museale si articola in cinque sale distribuite su due livelli, in cui sono esposti i reperti significativi provenienti dagli scavi condotti nella Sibaritide. Sono documentate le diverse fasi dell’occupazione del territorio, dagli insediamenti indigeni delle popolazioni enotrie dell’Età del Bronzo (II millennio a.C.) e del Ferro (IX-VIII sec. a.C.), per proseguire con le testimonianze delle tre città sovrapposte di Sibari, Thurii e Copia e dei loro rispettivi territori d’influenza (dalla fine dell’VIII sec. a.C. al VI sec. d.C.).  

Gli spazi

Collezione Permanente

Orari e biglietti

Indirizzo

Casa Bianca
87011 Cassano all'Ionio

Altri contatti


Ricerche correlate

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento