Share
conclusa Irene Coppola

La mostra

L'artista lavora principalmente con il linguaggio scultoreo e l'installazione, prendendosi cura sia della materia che del dispositivo spaziale dell'opera. La sua ricerca si muove tra studi scientifici, note filosofiche ed esplorazioni territoriali che pongono lo sguardo su l'impercettibile del quotidiano. Coppola usa la tecnica del calco per registrare il tempo e le forme della sua caducità, carnali ma allo stesso tempo inusuali allo sguardo, approcciandole attraverso la geometria di lievi architetture che definiscono lo spazio dell'opera. Il suo intento è di agire uno spostamento semantico e percettivo del legame tra natura e società attraverso l’uso di materiali industriali e/o frammenti di natura, intimamente affettivi ma dotati del potenziale di scuotere una risonanza universale.

 

Il lavoro in mostra negli spazi de L’Ascensore parte dalla ricerca formale e concettuale che l'artista porta avanti sui frammenti e sui vuoti vegetali, capaci di sedimentare la memoria di un territorio. 

I bombardamenti anglo-americani del ‘43, tra le note conseguenze, hanno danneggiato molte palme di Villa Giulia e dell’Orto Botanico di Palermo. Nello spazio espositivo sono installati tre calchi, in gomma siliconica, realizzati dall’artista direttamente sulle lesioni delle palme mutilate, la cui caratteristica del fusto è di non rigenerarsi. Il display in mostra sostiene i negativi blu come fossero maschere di eroi sopravvissuti e sintetizza la verticalità della pianta riportandola a un rapporto uno a uno con il corpo e con lo spazio espositivo. La ricerca si è sviluppata nell’arco di un anno tra passeggiate, esplorazioni, incontri e archiviazione di materiale storico traducendosi su diversi media narrativi: la serie fotografica del progetto racconta i segni di una narrazione inaspettata, tracce di un avvenimento apparentemente naturale; due mappature raccolgono le note scientifiche di un processo artistico che si spinge fino alla plasticità scultorea di quei vuoti materiali e al contempo poetici. 

 

In occasione della mostra Schegge viene presentato l’opuscolo omonimo in ed. limitata e numerata che raccoglie materiale autoriale sul progetto che è stato realizzato con il supporto del Sistema Museale Università degli Studi di Palermo - Orto Botanico.

Immagini della mostra

Orari e biglietti

Indirizzo

Vicolo Niscemi, 8
90133 Palermo

Altri contatti


Mostre a Palermo

date_range Palazzo Sant'Elia

Oriri

Fino al 23 ottobre 2021

date_range Palazzo Sant'Elia

Crossing Africa

Fino al 30 ottobre 2021

Ricerche correlate

in scadenza date_range Villa Medici

Mircea Cantor

Fino al 19 settembre 2021

in scadenza date_range Palazzo Ducale di Genova
in scadenza date_range Museo e Real Bosco di Capodimonte

Paolo La Motta

Fino al 19 settembre 2021

in scadenza date_range Museo e Real Bosco di Capodimonte

Diego Cibelli

Fino al 19 settembre 2021

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento