Share
in corso Georg Baselitz.

La mostra

Si tratta di una sequenza di quadri suddivisa in due temi dedicati alla moglie Elke Baselitz e ad Emilio Vedova.
Ciascuna serie è chiaramente riconoscibile come tale per la coerenza del motivo stilistico ed è caratterizzata anche tramite le parole scelte e le trovate giocose, i Witz, con cui l’artista costruisce i titoli.
Le tele, tutte delle stesse grandi dimensioni (300x212 cm) con sviluppo verticale, scandiscono le pareti bianche costruite appositamente all’interno del Magazzino del Sale creando un’installazione rigorosa e ritmata.
Le sette tele dedicate a Vedova sono perlopiù monocrome, e i titoli offrono al pubblico lo spunto per cogliere qualche dettaglio in merito alla relazione tra l’artista e il suo amico di vecchia data Emilio Vedova.
A proposito di questa amicizia Fabrizio Gazzarri, direttore dell’archivio e della collezione di Fondazione Vedova, ricorda con precisione come Vedova gli introdusse Baselitz: «Emilio Vedova era sorridente […] intento a sfogliare il catalogo di una galleria tedesca con la quale lavorava, la stessa del suo caro amico Georg Baselitz, conosciuto negli anni del soggiorno berlinese, intorno al 1963. La sua attenzione si fermò sull’immagine di un’aquila rovesciata, dipinta con aggressive e materiche pennellate che esprimevano tutta la potenza e il fascino di questo mitico rapace dei cieli, lucido e attentissimo alle cose della terra. Emilio mi disse, compiaciuto, che l’autore di quel dipinto era un suo amico, un grande pittore».
Dieci sono le tele dedicate alla moglie e allo Speiseeis (Gelato) e Philip Rylands le descrive così: «Il denso magma del pigmento, della matière, caratteristica principale dei quadri più espressionisti di Baselitz, si è stemperato. […] Sono opere poetiche e allegre».
I dipinti sui gelati, declinati anche in diversi gusti, sono immagini della donna con cui l'artista è sposato da più di sessant’anni e il primo ritratto dedicato a lei risale al 1969. A proposito della sua musa, Baselitz stesso scrive: “Non illustro Elke. Semmai cerco di rimuoverla, di solito non ci riesco. Lei rientra nel processo, che io lo voglia o no, rispunta da una parte nascosta della mia mente. La neutralità è un mito, ma non puoi rinunciare alla lotta. Per creare qualcosa di nuovo devi combattere le convenzioni del genere e il soggetto stesso. Lo scopo della ritrattistica è lasciare il ritratto alle spalle in modo da poter andare avanti".

Immagini della mostra

Opere esposte

Orari e biglietti

Indirizzo

Dorsoduro, 50
30123 Venezia

Altri contatti


Mostre a Venezia

date_range Museo archeologico nazionale di Venezia

Il Limite

Fino al 09 ottobre 2021

date_range Fondazione Querini Stampalia

Venezia panoramica.

Fino al 17 ottobre 2021

date_range Fondazione Querini Stampalia

Un’evidenza fantascientifica

Fino al 17 ottobre 2021

date_range Galleria Giorgio Franchetti alla Ca' d'Oro

Canaletto incontra Guardi

Fino al 24 ottobre 2021

Ricerche correlate

in scadenza date_range Museo della Ceramica di Grottaglie

XXVIII Concorso di Ceramica Contemporanea

Fino al 30 settembre 2021

in scadenza date_range Museo Santa Caterina

Renato Casaro

Fino al 30 settembre 2021

in scadenza date_range Art Aia - Creatives / In / Residence
in scadenza date_range Art Aia - Creatives / In / Residence

L'eredità Strasberg

Fino al 01 ottobre 2021

Non conosci ancora Artsupp?

Artsupp è il nuovo portale dei musei nato per riunire tutte le novità del mondo dell’arte e dei musei italiani su un’unica piattaforma.

chi siamo
spinner-caricamento