Museo Archeologico di Metauros, Gioia Tauro | Info e Contatti su Artsupp
Museo Archeologico di Metauros
Logo : Museo Archeologico di Metauros

Museo Archeologico di Metauros

Gioia Tauro, Italy

Cover
Logo

Museo Archeologico di Metauros

Gioia Tauro, Italy

Museo archeologico Mètauros

Il Museo archeologico Mètauros ha sede a Palazzo Baldari, edificio settecentesco sito nel centro storico di Gioia Tauro (RC), quartiere “Pian delle Fosse”. Simbolo della città, Palazzo Baldari ancor oggi preserva la memoria della storia del centro reggino, testimoniando e custodendo ricordi di illustri presenze e di importanti vicende: nelle sue stanze soggiornò Giuseppe Garibaldi di ritorno dalla Sicilia a seguito della spedizione dei Mille. L’edificato con la sua architettura rappresenta una viva testimonianza della crescente attività edilizia che, a partire dalla seconda metà del Settecento, interessa il centro storico e in particolare il quartiere Pian delle Fosse, costituendo un complesso di notevole interesse sia artistico che storico. Palazzo Baldari ospita anche la Biblioteca Comunale. Il piano terra dell’immobile è adibito a esposizione permanente e illustra, con dovizia di reperti, la storia del comprensorio territoriale di Gioia Tauro, grazie ai tanti rinvenimenti eseguiti nel corso delle campagne di scavo condotte fin dal secolo scorso. L’intensa urbanizzazione del terrazzo naturale di Piano delle Fosse, sede dell’abitato antico, non ha permesso indagini approfondite, mentre è stato possibile scavare in estensione la fascia litoranea che ha restituito una necropoli riconducibile a fasi cronologiche comprese tra il VII e il VI secolo a.C.; i ricchi corredi attestanti gli stretti legami di Mètauros con i centri coloniali siciliani di Mylae e Zancle, l’attuale Messina, e della colonia calcidese di Rhegion, oltre a documentare contatti commerciali con l’area mediterranea. Il percorso espositivo, che documenta anche produzioni indigene con vasi d’impasto, parte dall’età greca, fin dalla fondazione del centro emporico di Mètauros da parte di Zancle, per passare all’età romana sino alla fase medievale. Diverse le tipologie di vasellame figurato di produzione attica, calcidese, corinzia (VII-V sec.a.C.), di contenitori da trasporto, quali le anfore di tipo etrusco e del tipo SOS che documentano diffusamente l’inserimento di Mètauros nei circuiti commerciali del mondo mediterraneo. Uno spazio è riservato ai rinvenimenti funerari di età romana (II-III secolo d.C.) quando la città ricomincia a essere abitata, dopo l’abbandono in età classica ed ellenistica. Tra il vasellame esposto si distinguono raffinati vasi in vetro decorati con motivi applicati, inquadrabili come importazioni dall’area mediterranea, a conferma della vocazione commerciale di Mètauros anche in età romana. L'età medievale è testimoniata da materiali ceramici provenienti da un’area di butto localizzata tra i resti della cosiddetta torre quadrata “normanna” e le mura di cinta, nella parte più settentrionale del Piano delle Fosse. Infine, musealizzate all’interno degli spazi espositivi, si possono osservare i resti delle mura di cinta erette nel XIII secolo in ragione e a testimonianza del controllo della “Piana delle Saline”.

Museo Archeologico di Metauros - 1
Museo Archeologico di Metauros - 2
Museo Archeologico di Metauros - 3
Museo Archeologico di Metauros - 4
Museo Archeologico di Metauros - 5
Museo Archeologico di Metauros - 6
Museo Archeologico di Metauros - 7

Contatti

Direzione Regionale Musei Calabria
Museo Archeologico di Metauros

Via Roma
89013, Gioia Tauro

Orari di apertura

    Temporaneamente chiuso

Museo Archeologico Lametino

Lamezia Terme

Museo Statale di Mileto

Mileto

Cattolica di Stilo

Stilo

Le Castella, Isola Capo Rizzuto

Isola di Capo Rizzuto